Con tanta sua lode – Il Sei-Settecento musicale in concerto

Con tanta sua lode – Il Sei-Settecento musicale in concerto

Il Collegium ospite della Biblioteca e Officina San Francesco.

Sabato 30 aprile 2022, alle ore 18, avrà luogo il concerto del Coro da camera e degli strumentisti del Collegium Musicum, diretti da Enrico Lombardi. Il concerto fa parte della rassegna “Con tanta sua lode – il Sei-Settecento musicale in concerto”, ospitata nella biblioteca dell’Officina San Francesco (ingresso dall’omonima piazza). 

Curata da Elisabetta Pasquini, la rassegna ruota intorno alla figura di Giambattista Martini. Dotato di cultura enciclopedica, egli legò il suo nome alla prima storia della musica stampata in Italia e redatta in lingua italiana, che ancor oggi si pone quale insuperato modello di erudizione; egli raccolse una biblioteca assai ricca e una preziosa galleria di ritratti di compositori e teorici della musica, che destavano l’ammirazione di tanti suoi contemporanei; il suo magistero contrappuntistico fu d’esempio e di sprone per numerosi giovani compositori, che da tutt’Europa giunsero a Bologna per averlo quale precettore; molte furono le personalità politiche e culturali di spicco con le quali egli intrattenne una fitta corrispondenza, spesso ponendosi quale arbitro indiscusso di questioni musicali. 

Nondimeno, forse non molti sanno che all’epoca erano altresì lodate le sue doti compositive: non a caso nel 1753, dopo aver realizzato e diretto le musiche romane per il triduo di beatificazione di Giuseppe da Copertino, padre Martini fu richiesto dal papa Benedetto XIV quale maestro della Cappella Giulia.

I concerti che si propongono nella Biblioteca di San Francesco vogliono essere un’occasione per “gustare” almeno qualche assaggio dell’opera musicale del «maestro dei maestri» e per iniziare un percorso di riscoperta della sua figura e di coloro che, anche tra gli stessi confratelli, ne furono precursori, colleghi e allievi.

Programma del concerto

Wolfgang Amadé Mozart (1756-1791)
antifona Quaerite primum regnum Dei KV 86

Giambattista Martini (1706-1784)
antifona Quaerite primum regnum Dei

dalle Sonate per l’organo e il cembalo op. III (1747)
n. 2 in Sol minore: Allegro – Adagio

communio Jerusalem, surge

offertorio Dextera Domini

dalle Sonate d’intavolatura per l’organo e ’l cembalo op. II (1742)

dalla Sonata n. 5 in Sol minore: Adagio

dalle Litaniae atque antiphonae finales op. I (1734)
antifona Alma redemptoris Mater
antifona Salve Regina

Carl Ditters von Dittersdorf (1739-1799)
dalle Sei sonate a tre op. I (1767)
Trio n. 1 in Re maggiore: Allegro – Minueto

Wolfgang Amadé Mozart
Sonata da chiesa in Do maggiore KV 336

notturno Due pupille amabili KV 439
notturno Se lontan, ben mio, tu sei KV 438
notturno Ecco quel fiero istante KV 436
notturno Luci care, luci belle KV 346
notturno Più non si trovano KV 549


Il concerto sarà preceduto dalle seguenti letture:
lettera di Leopold Mozart alla moglie Anna Maria (Milano, 20 ottobre 1770)
attestato di Giambattista Martini in favore di Wolfgang Amadé Mozart (12 ottobre 1770)
lettera di Wolfgang Amadé Mozart a Giambattista Martini (Salisburgo, 4 settembre 1776)

 

CORO DA CAMERA E STRUMENTISTI DEL COLLEGIUM MUSICUM ALMAE MATRIS
Constance Dami, Chiara Leone, Federica Milioni, Luana Rosato,
Lara Stacchietti, Martina Toschi, Elisa Zocca – soprani
Sabrina Canè, Annalisa Cavazza, Virginia Di Tullio, Annalisa Filiaci,
Francesca Micheletti, Giulia Ravaioli – contralti
Simone Caradossi, Nicola Carli, Leonardo De Michiel, Filippo Maraini,
Iacopo Ricci, Davide Uccellari – tenori
Decio Biavati, Edoardo Antonio Sebastiano Calvi, Giulio Colombini,
Daniele Detti, Pierluigi Parisse, Davide Sebartoli – bassi
Alvise Berto, Lucia Masi – violini
Elia Moffa – violoncello
István Bátori – organo
Enrico Lombardi – direttore